Come curare le infezioni dei bronchi: parliamo dell’asma

L’asma è un’infezione dei bronchi che colpisce prevalentemente in età infantile. In greco asma significa ‘respiro corto’ ed è proprio quello che si prova quando la malattia si manifesta. Quest’ultima è molto diffusa a livello mondiale ed anche gli adulti possono esserne interessati, spesso al di sopra dei 50 anni. L’infiammazione ai bronchi porta ad un restringimento di questi ultimi e, quindi, ad un’attività anomala della respirazione. Ecco perché sembra che manchi il fiato. Questa malattia, comunque, si cura con i farmaci adatti.

Asma multifattoriale: perché arriva?

Sono davvero numerosi i fattori che incidono sull’asma:

• infezioni virali

• fumo (anche quello passivo fa male)

• consumo di farmaci antinfiammatori non steroidi (FANS)

• emozioni intense (ridere troppo forte, spaventi, collera, etc.)

• alimentazione (sembra che i bimbi non allattati al seno siano più predisposti a soffrire di questo disturbo)

• ambienti chiusi

• allergeni (polvere, pelo di animale, graminacee, muffe, pollini, etc.)

L’asma, comunque, non è fine a sé stessa ma può essere associata ad altri fenomeni quali reflusso gastroesofageo, rinite allergica e asma cardiaco. I sintomi della malattia sono senso di oppressione toracica, fiato corto e difficoltà a prendere aria, tosse e respiro sibilante.

I farmaci adatti per le crisi asmatiche

L’asma deve essere tenuta costantemente sotto controllo, quindi è bene informare ad ogni passo il proprio medico curante. La terapia che verrà somministrata sarà prescritta in base alle esigenze del soggetto e, quindi, è del tutto personale. I medicinali sono sempre somministrati un po’ alla volta, con un dosaggio che aumenta pian piano fino a poi stabilizzarsi del tutto. I farmaci maggiormente utilizzati sono detti controller, e sono assunti ogni giorno dal paziente per tenere a bada la situazione. I reliever, invece, sono soluzioni momentanee che vengono inalate e servono a scongiurare i momenti di crisi a causa della broncocostrizione. Ad ogni modo, il paziente asmatico deve evitare situazioni e ambienti per lui dannosi come quelli dove si fuma o dove si sta a contatto con gli allergeni che intaccano la sua salute.