Evitare il mal di schiena: consigli pratici

Il mal di schiena è una condizione invalidante che blocca il soggetto che ne soffre e, di conseguenza, tutte le sue attività quotidiane. Esso insorge in modo repentino, soprattutto interessando la parte bassa (i lombi), ma ciò non toglie che possa manifestarsi diffusamente per tutta la zona. Questa patologia coglie indistintamente uomini e donne e circa 8 persone su 10 ne soffrono. Si tratta di uno dei disturbi più diffusi in assoluto che causano un grande numero di assenze sul lavoro. Il dolore può comparire repentinamente a causa di sforzi eccessivi o farsi vivo progredendo nel tempo a seguito di sedentarietà e cambiamenti alla schiena vertebrale dovuti a età e peso corporeo. Sì, perché quest’ultimo è fattore di grande incidenza su tale malessere. Le vertebre si sovraccaricano ed è per questo che vanno in affaticamento. È importante, quindi, mantenere il proprio peso corporeo entro i range stabiliti dalla propria altezza.

Quali sono le cause dell’insorgere del dolore alla schiena?

Il mal di schiena può arrivare per diversi motivi:

• postura scorretta

• scoliosi

• artriti e artrosi

• osteoporosi

• sforzi meccanici

• malattie come i tumori (ma raramente)

• infezioni

• gravidanze

I fattori che espongono al mal di schiena sono molteplici come l’avanzare dell’età, la mancanza di sport, postura scorretta alla scrivania, alimentazione errata a base di cibi eccessivamente elaborati. Il dolore alla schiena si avverte con fitte acute nella zona interessata, ma porta con sé anche altri sintomi come cervicale, dolore al collo, dolori articolari diffusi, nausea, vertigini e mal di testa.

Debellare il mal di schiena con sport e massaggi

Il mal di schiena può essere debellato solo attraverso alcune pratiche come:

• sport regolare

• mantenimento del peso corporeo

• massaggi praticati da fisioterapisti

• assunzione di farmaci miorilassanti, antinfiammatori e antidolorifici (tra questi vi sono Voltaren, Muscoril e Feldene) soprattutto nella prima fase di dolore acuto.